RECE n°339 CON PREMESSA: SE LA BONELLI FACESSE SCRIVERE UNA STORIA DEL NUOVO CORSO A SCLAVI, SENZA DIRVELO, VI LAMENTERESTE LO STESSO

Stamattina è iniziata polemica la giornata. Dopo aver letto uno status di Gigi Simeoni mi era quasi passata la voglia di dire la mia sul 339 di Dyd; semplicemente perché non ve lo meritate Dylan Dog, ormai lo sto dicendo da mesi. La premessa la dice tutta sulla mia opinione nei vostri riguardi. Da quando Roberto Recchioni è diventato il curatore editoriale di Dylan Dog potrebbe ascendere anche Satana dagli inferi a scrivere una storia per Dyd trovereste comunque qualcosa da dire; oppure, come detto nel titolo,  anche se tornasse Tiziano Sclavi a scrivere, e si mantenesse anonimo alla Bonelli vecchia maniera usando uno pseudonimo, rompereste le @@ comunque!

“Dylan è vecchio, noioso, non al passo con i tempi”

Svecchiamo Dylan e rendiamolo contemporaneo!

“Dylan è troppo nuovo, le cose vanno troppo in fretta, ma che fa Dylan con un cellulare?!”

Quando fate pace con il cervello avvertitemi che riprendo la connessione con voi, resto del mondo.

UpkPfA5XLji19zAD5ybJ2cpJu4fbd0Do6mtPoIAUnpA=--

Nel mentre, per chi vuole, questa è una breve recensione del n° 339 di Dylan Dog “Anarchia nel Regno Unito” (accennavo qualcosa nel post precedente) su soggetto di Recchioni&Simeoni, sceneggiatura di Gigi Simeoni, disegni di Giampiero Casertano e copertina di Angelo Stano.

Della copertina ho già parlato ampiamente nel post precedente, quindi nulla. Posso solo aggiungere che dal vivo è ancora più bella e mi gasa un botto.

Passiamo ai disegni: voi non potete capire quanto mi piace il Dylan di Casertano tutto muscoli, possente e con lo sguardo ammaliatore! CI PIACE. La stazza dell’Ispettore Carpenter mette paura, nonostante il Dylan di Casertano sia bello “fisicato”, mentre Rania ha dei tratti marcati e dolci e lo sguardo di una donna “cazzuta” che non cederà facilmente alle tentazioni del giovane old boy!

Ora, la storia. La struttura è molto bella, la lettura viene facile, ma non perché priva di particolari: semplicemente è priva di “spiegoni” inutili e soprattutto l’azione, che si spalma praticamente su tutte le 98 pagine, rende l’albo di rapido assorbimento. Il nostro Dylan – posso dirlo o mi linciate, oh voi conservatori? – finalmente METTE IN MOTO IL CERVELLO, e senza espedienti convenienti riesce a fare una volta tanto una cosa quasi del tutto da solo (almeno nella parte centrale della storia) ritornando un po’ ad essere il Dylan di un tempo che non aspetta che le cose gli piovano tra le braccia, ma agisce…DAMN!

La cosa più divertente dell’albo? Dylan alle prese con il palmare di Rania. Vedere Dylan con un cellulare in mano è un po’ come vedere Groucho alle prese con una donna: esilarante. L’impianto strutturale è quello di un film d’azione: rapido, rapido, rapido e avvincente! L’unica cosa che mi ha lasciato un po’ l’amaro in bocca? Mh. Lievemente, ma proprio lievemente il finale. Ma non ho contestazioni del caso da fare: forse una chiusura troppo rapida, dopo un bel fermento di azioni mi ha fatto dire “noooo è già tutto finito?”. Però niente, il 339 per me è approvato! Grazie Gigi, un numero molto bello, i cambiamenti si notano e non sono buttati a caso, i personaggi sono caratterizzati, anche e soprattutto nel modo di parlare…e questo mi piace!

Continuate così, io faccio il tifo per voi e getto il malocchio su chi dice il contrario.

Eh sì, mie cari. Questo è il mio blog e posso dire quello che mi pare…quindi

STILL,

I’m the Queen!

Bacetti&Rock’n’roll

RosZombie

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...