2014? CHI E’ DENTRO E’ DENTRO, CHI E’ FUORI E’ FUORI.

Assillata da una settimana da facebook che voleva necessariamente ricordarmi questo 2014 attraverso un video generato “a cazzo” con immagini e non so cos’altro, ho deciso di scrivere questo piccolo post nel quale farò un resoconto di questo 2014. Allora, non perdiamo altro tempo, perché di cose ne ho da dire.

2014-2015-calendar-hero

Il mio 2014 è iniziato con la consegna della tesi, consegna documenti per la laurea, consegna cd in presidenza, consegne, CONSEGNE, CONSEGNE: ho iniziato praticamente il 2014 nelle vesti di una postina, su per giù. A febbraio mi sono laureata, felice e contenta come una Pasqua, con il mio bel 110 e lode che tengo come riserva di argomenti da sfruttare nei momenti imbarazzanti con persone alle quali non so cosa dire. A marzo ho fatto la festa di laurea della vita, e ho costretto tutti i miei amici a venire vestiti da personaggi dei fumetti: pena? l’esclusione dalla festa alcolica più divertente di tutti i tempi! (Oh sì, me lo sto dicendo da sola. Ma perché sul serio, è stata una festa ATOMICA [cit.]).

Tra marzo e aprile non ho fatto quasi nulla. Ho mandato curriculum a destra e a manca, sono stata chiamata a fare dei colloqui di lavoro assurdi; tipo quello con un’agenzia che si occupava di gestione eventi. Il ragazzo “direttore” della suddetta agenzia dopo aver visto il mio curriculum di 4 pagine mi guarda e balbetta “la…la…ringrazio per essere passata…ma noi abbiamo bisogno di per…persone da formare. Semmai avessimo bisogno di..di un’esperta del settore la ricontatteremo senz’altro”. Mi volevano fare un corso di formazione, in gestione dell’evento, A ME. A ME? Bah.

Poi ho iniziato a cantare nel gruppo dei Blues Brothers Reloaded, e ho ripreso a piene mani la mia passione per il canto. Mi sono data anima e corpo al blues come se non ci fosse un domani, e ho conosciuto delle persone splendide, e ringrazio veramente di cuore questo gruppone di 20 persone per avermi accolta come se fossi stata con loro dal primo giorno della fondazione della band!

A maggio/giugno è partito il mio stage ad Unisa, nel Centro ICT per i beni culturali. Anche lì ho conosciuto delle persone meravigliose con le quali tutt’oggi lavoro gomito a gomito; essì perché dopo lo stage sono stati così pazzi da chiedermi di restare per una serie di collaborazioni, quindi se volete trovarmi sono lì dalle 09 alle 17, tutti i giorni, dal lunedì al venerdì, salvo festività.

Nel mese di luglio ho lavorato per 10 giorni al festival di Giffoni. Ah dimenticavo, nel mentre sono diventata single, e ho perso quasi tutte quante le mie amicizie perché l’immaturità alle volte regna più sovrana del buon senso. Ma per fortuna l’amicizia, quella vera, non ha bisogno di grandi spiegazioni, basta un chiarimento e tutto torna esattamente come prima; o anche meglio. Alcune cose sono cambiate con alcune persone. Ma questa è la vita, no? Servono le situazioni spiacevoli per capire con chi si può proseguire il cammino o meno. Sono stati significativi alcuni momenti di questo 2014, ma non voglio entrare troppo nel dettaglio e vado avanti. Ho passato quasi tutto agosto in casa, poche giornate di mare e poche serate in giro. Una sì, una me la ricordo bene. Era il 10 di agosto e stavo su una sdraio a mare con un amico, un carissimo amico, a parlare di quanto mi stavano sul cazzo alcune situazioni che si creano quando due persone non parlano. Non trovate? E’ così semplice dirsi le cose. Ma è anche semplicissimo mandarsi a fanculo, ed è una cosa meravigliosa, perché liberatoria al massimo. Poi se le cose si devono sistemare si sistemano, altrimenti semplicemente non ne è valsa mai la pena.

Poi ho lavorato al MAV, il museo archeologico virtuale di Ercolano, gomito a gomito con la mia migliore amica e ho conosciuto anche lì delle persone bellissime. Una su tutte è diventata un pezzettino del mio cuore, una dolce compagnia, un’amica splendida con la quale parlare e condividere tutto, gioie e follie estreme!

Nel frattempo stavo cercando in tutti i modi di organizzare una cosa fighissima nella mia università, ma per condizioni avverse non sono riuscita a portare a termine una cosa alla quale tenevo molto. Però nella vita mi hanno fatto sempre più bene le sconfitte che le vittorie. Quel che ti resta di una vittoria è una coppa, o una medaglia. Quel che ti resta della sconfitta è la ferita che ti fa capire perfettamente dove hai sbagliato, e la prossima volta, se lo hai capito sul serio, rimedierai, senza mezzi termini o mezze condizioni. E così ho deciso di fare. Soprattutto adesso che sono esattamente nella fase di “AL DIAVOLO TUTTI, ADESSO VENGO PRIMA IO”.

In questi mesi ho conosciuto delle persone che mi hanno cambiato la vita: persone che mi hanno fatto veramente del male, prendendosi gioco di me, non considerando quanto io potessi dare importanza a dei gesti, a delle parole; queste sono le stesse persone che mi fanno sorridere quando penso a loro. No, non perché mi viene da ridere pensandole, ma perché in fondo penso che quando si fa qualcosa e si ferisce qualcuno in buona percentuale si ferisce allo stesso modo sé stessi: la cosa brutta del prendere in giro gli altri è esattamente questa, che poi ti torna tutto indietro come un boomerang. Ma comunque ringrazio queste persone, perché quando prendo una bastonata mi rialzo più forte di prima. Sono una sorta di Idra – l’ho detto già in un altro post – più provi a togliermi qualcosa, più divento forte. Allo stesso modo però in questi mesi ho conosciuto e approfondito conoscenze con persone che mi hanno cambiato la vita ma in modo del tutto positivo. Ho conosciuto persone mai viste che sono diventate degli amici, per il puro e semplice fatto che quando una persona è vera è vera sempre, sia dietro al monitor di un pc sia seduta ad un tavolinetto di un bar davanti ad un buon caffè. Ho conosciuto persone che sono diventate un’adorabile compagnia di tutti i giorni: disegnatori, scrittori, cosplayer, fumettari, pazzi scalmanati giocatori di videogames; tutti loro hanno contribuito sul finale di questo 2014 a farmi sorridere, ridere e continuare a ridere ogni giorno, fino ad oggi, e anche adesso mentre scrivo questo interminabile monologo (che se fosse stato fatto a teatro avrei già preso una cassetta di frutta in pieno viso!). Poi ho conosciuto una persona, che se leggerà questo post saprà che parlo di lei (il “di lei” è al femminile perché è per “la persona”), e non aggiungo altro perché non c’è veramente altro da aggiungere, se non che non potrei essere più felice di averla incontrata.

In questo 2014 ho pianto, ho riso, mi sono incazzata, innervosita, ho tirato giù scaffalature, ho sofferto, ho viaggiato, ho conosciuto persone, ho sorriso, ho gioito, ho vissuto la mia vita esattamente come avevo deciso di viverla. E tutto questo è stato possibile grazie a tutte quelle persone che mi hanno fatto piangere, che mi hanno fatto ridere, che mi hanno fatto innervosire, che mi hanno fatto incazzare al punto che tirassi giù scaffalature, che mi hanno fatto soffrire, che mi hanno dato l’opportunità di vivere avventure di viaggio insieme, persone che ho conosciuto, persone che mi hanno fatto sorridere, con le quali ho gioito e con le quali ho vissuto e condiviso la mia vita in questo 2014.

A margine – ma perché è sempre bello evidenziarlo – questo 2014 è stato bello nonostante tutto perché la mia piccola famiglia è sempre presente, sempre unita ed è l’unica cosa importante, veramente importante, che per me conta più della mia stessa vita: loro, e niente più (compreso il cane <3).

 

Resoconto del 2014 moooolto moooolto diluito pronto per l’uso.

Auguro ancora a tutti un Buon Natale, un buon inizio di anno nuovo e cercate di non rompere troppo le scatole con i fuochi d’artificio, perché mi urtano veramente il sistema nervoso ABBESTIA!

Mi raccomando, non fate troppo i buoni che tanto non serve a niente, perché Babbo Natale non esiste!
Alla prossima..

Stay tuned, bacetti’n’rock’n’roll!

YEAH!!!!!!!!!!!!

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...