LA FELICITA’? LA FELICITA’ E’ UN PACCHETTO DI “RINGO”

Oh, finalmente dopo più di un mese riprendo in mano il mio blog! Il titolo di quest’articolo è leggermente provocatorio: volevo fare la simpatica (non mi riesce eh?) siccome c’è molta gente che adora “confondere” la testata Bonelli creata da Roberto Recchioni e Emiliano Mammucari Orfani: Ringo con i deliziosi biscotti bicolore della Pavesi! E dopo aver provato a fare la cabarettista, senza riuscirci, vi spiego subito il perché di questo articolo!

ringos

Il 16 di questo mese, quindi 3 giorni fa, sono andata in edicola come al mio solito per acquistare il n° 4 – di nome e di fatto perché dal titolo “Il numero quattro”- della succitata testata della Bonelli. Come mio solito compro l’albo e tutta fiera vado alla fermata del bus ad attendere il mezzo di trasporto che mi condurrà a lavoro in 40 minuti.

Una volta sull’autobus tolgo il cappotto (l’aria calda dei mezzi pubblici è sempre alle stelle) tolgo la sciarpa, da buona asociale metto le cuffiette nelle orecchie con Van Halen a bomba – perché in qualche modo devo svegliarmi – e apro la mia copia di Ringo. Attimi di panico, inizio a balbettare “ma…ma…ma…ma questo è il mio NOME!”. Dopo essermi strofinata per bene gli occhi – non è vero, non l’ho fatto perché giusto quella mattina avevo fatto un trucco alla Cleopatra da far invidia alle migliori makeup artist della storia – ho provato a rileggere bene, ho provato a svegliarmi dandomi qualche schiaffo e aumentando il volume dell’mp4, ma…nulla da fare! Era veramente scritto lì, il mio nome, in prima pagina, sull’editoriale del numero 4 di RINGO!

10419967_780753228673230_7220886521069895259_n

Potete immaginare la mia felicità nel leggerlo e nel capire che ero stata citata perché avevo fatto, mesi prima, una video-recensione sul mio canale youtube del n°1 della nuova testata Bonelli. Inutile dirvi quanto io sia felice di condividere con voi la mia gioia…ma in uno a questo, devo anche contenermi e, da brava fan/recensore, devo dire assolutamente la mia su questo numero di Ringo!

Diamo così il via al mio articoletto su IL NUMERO QUATTRO, soggetto di Mauro Uzzeo e Roberto Recchioni, sceneggiatura di Mauro Uzzeo, disegni di Alex Massacci, copertina di Emiliano Mammucari e colori di Alessia Pastorello!

Vi dico da subito che forse, in minima parte, ci sarà qualche spoiler (ma piccoli, eh) quindi…se avete timore di rovinarvi la lettura smettete di leggere ORA!

Iniziamo subito con il dire che questa serie mi sta piacendo tantissimo perché mette in risalto il dualismo vivere/sopravvivere: nonostante l’apocalisse abbia colpito la terra in modo devastante, gli esseri umani invece di essere uniti e cercare di ripartire insieme non perdono nulla della loro natura spregevole e egoista, e pensano a salvare la loro pellaccia senza curarsi minimamente del valore della vita dell’intera umanità.

Questo concetto appare ancora più forte e sentito grazie alle ambientazioni perfettamente curate di una “realtà” che noi riconosciamo essere reale (vuoi Napoli con la Cappella San Severo, Montecassino, Roma e, in questo numero, i giardini di Bomarzo, meglio conosciuti come “Il parco dei Mostri”). In particolar modo in questo numero si avverte quanto poco valore abbia la vita altrui, quanto sembri sia tutto trasformato in un gioco – non posso dirvi nello specifico perché altrimenti farei uno spoiler assurdo e il numero ve lo dovete leggere! – e quanto, allo stesso tempo, il piccolo “team” dei ribelli, capitanati da Ringo, stringa sempre di più un forte legame in questo cammino che li porterà sempre di più a essere nel mirino della Juric e della sua squadra di killer conosciuti ormai da tutti come i Corvi.

Quel che posso fare, cercando di non dirvi troppo, è trasmettervi le mie emozioni. Durante la lettura dell’albo c’è stato un momento in cui ho provato un grandissimo stato di ansia, che ha portato alla mia mente un ricordo di quando ero bambina; quanti di voi hanno visto “Biancaneve e i sette nani“? Credo tutti, suvvia! Primo lungometraggio della Walt Disney e primissimo Classico Disney della storia!

Bene: ricordate tutti la scena in cui Biancaneve fugge nel bosco, subito dopo che il cacciatore non è riuscito ad ucciderla per portare il suo cuore alla Matrigna, e spaventata si trova di fronte occhi grandi che la guardano, animali che le mettono paura, alberi all’apparenza spaventosi, grovigli di arbusti che le strappano i vestiti quasi come se fossero mani di fantasmi che vogliono a tutti i costi trattenerla?

Ecco qui la scena in questione:

 

Tenete bene in mente questa scena, perché ne vedrete una molto simile all’interno di quest’albo…in che modo? Eheh leggetevi il numero e poi mi dite! (Sì, sono un po’ ragazzina a citarvi la Disney…ma è stata una sensazione bellissima rivedere in Ringo una delle mie scene preferite di Biancaneve!)

Altri elementi che mi sono piaciuti tantissimo? Beh, essendo io una patita di thriller spinto, horror, splatter, e bisognosa di sangue, posso dirvi che all’interno di questo numero c’è una sequenza degna di una trasposizione cinematografica Tarantiniana: il sangue si spreca, e la cosa ci piace da morire!

Il finale poi, beh…non posso raccontarvelo, ma sappiate che è bello vedere quanto sia facile che anche il più servizievole dei servitori può decidere di fare di testa sua e non eseguire gli ordini imposti…

Basta! La smetto, altrimenti va a finire che vi racconto tutto e poi mi uccidete (a ragion veduta). So che questa recensione è leggermente “folle” e non ci capirete assolutamente nulla ma, ehi…siete nel mio regno! Regno mio, mie regole!

Un suggerimento? Mangiatevelo questo pacchetto di Ringo…è davvero molto, molto gustoso!

vi lascio, in ultimo, il link alla recensione che mi ha permesso di essere citata nell’editoriale del n°4 di Ringo!

Stay tuned…e alla prossima nota di follia!

RosZombie

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...