PER QUANTO VE NE POSSA FREGARE, QUESTA LA MIA OPINIONE SULL’#ARF15

Eccoci qua, dopo una mattinata a cercare di farmi passare un visibile mal di testa da incazzatura e nervosismo, ho ceduto alla seduzione dell’Oki, me lo sono sparata endovena e finalmente riesco a guardare il pc per più di 30 secondi senza avere l’irrefrenabile voglia di lanciarlo dal settimo piano.

Anyway…bando alla ciance, si parla di ARF! Festival di Storie, Segni e Disegni, prima edizione tenutasi all’Auditorium del Massimo – Eur, il 22-23-24 maggio, Roma (facebook qui!).

arf-cover-new

La prima cosa che mi sento in assoluto di dire è che questa fiera del fumetto è effettivamente identificabile come “fiera del fumetto”: all’interno della stessa, infatti – a parte lo shop dell’ARF stesso – gli unici stand che potevate trovare erano: fumetterie, editori, scuole del fumetto, associazioni, “associazioni” di persone che decidono di metter su uno studio e lavorare insieme, sala incontri, un’area dedicata ai bambini che si sono divertiti da morire, una mostra allestita benissimo e molto ma molto bella, qualche stand per nutrirsi – senza mangiare e bere si muore, ricordatevelo – e i bagni, che anche quelli servono.

Dal mio personalissimo punto di vista – che non è legge e non vuole assolutamente influenzare il parere altrui – la fiera era fatta molto bene. Rispettava perfettamente quelle che erano le linee guida che si era prefissata, arrivando a raggiungere in pieno la fetta di pubblico che si voleva raggiungere: appassionati del fumetto, desiderosi di seguire incontri, confrontarsi con fumettisti, autori, disegnatori, gente del settore e avere – perché no? – la possibilità di parlargli dei propri lavori, poter aprire delle collaborazioni o anche solo farsi dare dei consigli.

Io ho vissuto una bellissima esperienza. Ho incontrato tante persone che già conoscevo, ho incontrato disegnatori, editori, autori, fumettisti, appassionati. Addirittura gente completamente pazza che è venuta vicino a me a dirmi “tu sei Rossella Scarpa? Ti seguo su facebook, sei fortissima!”; ecco…voi nello specifico, state a sentire a me: FATEVI VEDERE DA UNO BRAVO! *sigh*

La disponibilità degli organizzatori della fiera è stata al di sopra di qualsiasi aspettativa: il terzo giorno ho dimenticato il pass a casa, senza saper né leggere né scrivere, mentre aspettavo in fila per fare la richiesta, uno dei curatori è venuto da me, mi ha fatto entrare nel “botteghino”, mi ha fatto il pass, mi ha dato un laccetto e ha ringraziato lui me. Stavo per sentirmi male data la tanta gentilezza. Lo staff, ciclicamente, passava a chiederci se andava tutto bene, se ci serviva qualcosa, se l’internet funzionava, se avevamo bisogno di altre sedie.

Se dovessi trovare una nota stonata in questa bella sinfonia direi la struttura. O meglio la posizione della struttura. Troppo lontana, difficile da raggiungere, e alcune parti troppo dislocate che ti facevano perdere l’orientamento. Ma voci di corridoio – essendo un po’ vulcaniana sento tutto – mi dicono che il prossimo anno la location sarà diversa, più figa e più ARF!

11240084_557363387738017_2191358991952749741_o

Che dire ancora… io avrei dei ringraziamenti da fare – tanti, forse troppi – ma ne faccio solo uno, che varrà per tutti. Ringrazio Mauro Uzzeo, perché senza di lui non credo ci sarebbe stato l’ARF, non ci sarebbe stato modo di parlarne, non ci sarebbe stato questo post…insomma, non ci sarebbero state parecchie belle cose che invece ci sono state e mi hanno resa felice. Se riesco faccio un video, in giornata… se non riesco, avete il diritto/dovere di odiarmi a morte.

Aspetto trepidante la prossima edizione!

P.S. Per chiudere in bellezza, e concentrarci sul futuro prossimo, vi segnalo un altro evento fumettistico particolarmente interessante, che si terrà oggi pomeriggio alle 17:30 alla scuola Comix Ars, a Salerno, in via Margotta 10 (quinto piano). Se siete da quelle parti, fateci un salto…#solocosebelle!

Qui il link dell’evento su Facebook con tutte le informazioni.

Mi raccomando, vogliamoci sempre tutti quanti bene, che la vita questa è, ed è veramente triste passarla avvelenandosi l’anima.

Sempre al vostro servizio (senza esagerare eh)

RosZombie!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...