5 REGOLE PER SOPRAVVIVERE AD UNA FIERA

Ciao Cavernicoli! Come promesso ecco per voi il tanto agognato post sulle 5 regole per sopravvivere ad una fiera. Considerate che questa Lucca Comics&Games per me è stata sul serio un’avventura di quelle da ricordare negli annali: per vari motivi bellissima, per altri disastrosa, ma l’importante è ritornare sempre vivi a casa!

Senza cianciare troppo, partiamo subito con le regole, stile Welcome to Zombieland, per non morire durante una Fiera.

1 – Vestirsi a strati

cipolla

Dovete assolutamente ricordarvi che, anche se partecipate ad una fiera in pieno inverno o piena estate, la possibilità di morire di caldo o di freddo – a tratti l’uno e a tratti l’altra – è elevatissima. Quindi, per ovviare a questo problema, e non rischiare di morire assiderati o sciolti come la strega dell’Ovest, vestitevi a cipolla ragazzi miei, sennò farete sul serio una brutta fine!

2 – Mettere scarpe comode e calzini

scarpe-donna

Ora. La questione delle scarpe comode è abbastanza comprensibile (a meno che non siate delle cosplayer che devono impersonare Jessica Rabbit sui tacchi a spillo). La cosa dei calzini vi sembrerà strana, ma è una cosa che ho imparato a mie spese. Le scarpe, anche le più comode in assoluto, se indossate senza calze o soltanto con le calze di filo, potrebbero provocarvi delle lesioni ai piedi – tallone, punte dei piedi e anche la pianta – siccome dovrete camminare ininterrottamente per oltre 10 ore al giorno! Quindi, ragazzi miei: calzini di filo  – non fantasmini – che arrivano subito sopra la caviglia e il gioco è fatto! Piedi salvi!

3 – Portare uno zaino con dentro acqua, dolciumi, gomme e salatini

Meraviglie-the-avengers-captain-america-shield-zaino-borsa-studente-borsa-zaino-round-termina-agenti-di-s

Lo zainetto avrà varie funzioni, quindi prendete nota: contenere i fumetti da farvi autografare, lo sketch book da farvi riempire di disegni, una bottiglia d’acqua che vi aiuterà a sostenere il caldo torrido, un pacchetto di caramelle per gli zuccheri che vi mancheranno, un pacchetto di gomme per “lavare” i denti dopo aver pranzato stesi a terra su un prato, una mini coperta da usare quando vi stenderete su quel prato a trangugiare un panino unto e cancerogeno, dei salatini che placheranno la vostra fame quando passerete le ore in fila ad aspettare per entrare nel Pala Panini (sì, saranno delle lunghissime ore d’attesa).

Ricordatevi – se riuscite a fare il tetris che riesco a fare io ogni volta – di portare nel vostro zaino una maglietta a maniche lunghe in più, perché non potete mai sapere se da un momento all’altro calerà il gelo polare artico!

4 – Avere un mantra

10349880_10152244784043379_8977497207660888463_n

Vi sembrerà folle, ma per una persona come me che per costituzione odia la gente stupida, è assolutamente necessario avere un mantra da seguire. Cosa intendo? E’ molto semplice. In fiera s’incontrano una varietà di persone da perderci la testa: cosplayer pazzi, cosplayer normali (esistono?) sketch catcher, autori pazzi, disegnatori folli, mangaminkia, bimbiminkia, esemplari di razza umana da studiare in laboratorio: insomma, per non commettere un omicidio e sopportare tutti per delle LUNGHISSIME ORE dovete ripetervi in testa una cantilena che vi rilassa. Io ho la mia, ma non ve la dirò. Questo è un segreto che avrete a metà. Tzè!

5 – Avere dei compagni di viaggio die hard

ù

Anche questa vi sembrerà una cosa banale, in realtà non lo è. Se andate ad una fiera e sbagliate compagnia siete completamente fottuti. Dovete riuscire a selezionare bene le persone che porterete con voi alle fiera. Dovete SEMPRE ricordare che dovrete passare intere giornate con queste persone, e se stiamo parlando del tipo di persona del “sono stanca, fermiamoci, devo fare pipì, ho fame, ho sete, ho sonno, mi fanno male i piedi, ho caldo, ho freddo, ho un eritema, oddio un ragno!, aiuto sto male, il raffreddore, sto per morire” non sarà assolutamente un’esperienza piacevole. Selezionate. Selezionate bene i vostri partners. E nel caso in cui sbagliaste, è molto facile liberarvi della zavorra. Se è una zavorra femmina basta urlare “C’è Chris Evans!” se è una zavorra maschio “TETTE” se è una zavorra bimbominkia “C’è FAVIJ!”, e poi voltarsi… e fuggire!

Ecco. Ora vi ho svelato i segreti – quasi completi – per sopravvivere ad una fiera del fumetto. Naturalmente, se avete dei suggerimenti, sarò molto felice di aggiungere altre regole a questa lista.

Rispettate le regole e ne uscirete vivi.

Fate un errore, un solo banalissimo errore… e sarò molto dispiaciuta per la vostra dipartita.

Alla prossima ragazzacci!

#StayNerDesperate

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...